Effetti collaterali della glutammina

La glutammina è un amminoacido unico, che fa parte della famiglia delle cistine. La glutammina, nota anche come acido L-glutammico, è importante nella sintesi di molte proteine necessarie per la normale funzione corporea. La sua funzione primaria è quella di amminoacido essenziale con elevata stabilità strutturale per le membrane cellulari e altri importanti organelli all’interno del corpo. È fondamentale per la sintesi delle proteine in tutti i tessuti e le cellule di tutto il corpo, compresi muscoli, cervello, cuore, reni e pelle. La carenza di glutammina può provocare gravi danni in vari organelli come il cervello, il fegato, i vasi sanguigni, gli intestini e i muscoli.

Gli integratori di glutammina sono comunemente presi da culturisti e atleti che desiderano aumentare i livelli di questo aminoacido per mantenere elevati livelli di proteine nel loro corpo e nei tessuti muscolari. Ci sono una serie di effetti collaterali della supplementazione di glutammina, tuttavia, può causare una serie di effetti collaterali indesiderati, tra cui diarrea, gonfiore, mal di testa, mal di testa, bassa energia, nausea, vertigini, crampi, insonnia, brufoli, eruzioni cutanee, gonfiore e orticaria. Questi effetti collaterali sono spesso irreversibili e possono richiedere l’interruzione dell’assunzione di glutammina. In alcuni casi, la glutammina è stato trovato per convertire in ammoniaca nei reni e può causare gravi squilibri elettrolitici e nefrotossicità.

Studiare quelli che a tutti gli effetti possono essere, nel breve o anche nel medio e lungo termine gli effetti collaterali della glutammina certo non è una questione di semplice inquadratura e che si possa in qualche modo liquidare in poche parole: andrebbe fatto un discorso molto più ampio in un ambito di comprensione di alcune dinamiche e di competenze di tipo medico approfondito ad esempio, ma ad ogni modo alcune cose le possiamo comunque indicare.

La giusta dose di glutammina dipende dal vostro esatto livello di carenza di nutrienti o dalla vostra condizione medica. Se siete carenti, potreste aver bisogno di meno glutammina di qualcun altro che ha appena subito un infortunio o una malattia improvvisa. Il vostro medico sarà in grado di guidarvi nella giusta direzione di quanta glutammina prendere. Se soffrite di una condizione medica, la quantità di glutammina necessaria sarà probabilmente diversa da quella di qualcuno che non ha la stessa condizione medica. Non superate in alcun modo il dosaggio raccomandato, o potreste mettervi a rischio per effetti collaterali negativi.

Sul sito guidaglutammina.it trovi altro sull’argomento.